Copertina-tesi-cosa-scrivere-tesilike
Blog

Copertina tesi cosa scrivere

S.O.S Copertina tesi: cosa scrivere? Cos’è?

Terminato di scrivere la tesi di laurea spesso durante l’organizzazione dell’impaginazione ci si renda conto che difronte alla copertina della tesi non saper cosa scrivere.

In effetti, nessuno ci spiega durante il corso di studi cosa inserire in questa fondamentale parte del nostro elaborato.

Inoltre, vi è una differenza fra la copertina e il frontespizio? Infatti, che cos’è un frontespizio?

Sono molti i dubbi che gli studenti si trovano ad affrontare durante tutta la stesura delle tesi di laurea e poche volte riescono ad ottenere delle vere risposte, nella maggior parte dei casi si limitano a copiare ciò che hanno fatto i loro colleghi.

Cerchiamo di spezzare questo ciclo di ignoranza e di andare insieme in fondo alla questione.

Per prima cosa cerchiamo di dare una definizione al concetto di frontespizio e di copertina della tesi e capire che cosa scrivere in queste due sezioni.

Frontespizio e copertina: che cosa sono?

Partiamo dalla nozione di frontespizio affidandoci alla sapienza del rinomato Vocabolario Treccani che lo definisce come:

La prima pagina di un libro (che in libri antichi e in moderne edizioni di lusso è spesso riccamente ornata di fregi e incisioni), sulla quale sono indicati il nome dell’autore, il titolo, il luogo e la data di stampa, il nome dell’editore; al centro porta talvolta la marca tipografica.”

 

                                                     Leggi anche il nostro articolo sul Costo della rilegatura

 

In poche parole, si tratterebbe della prima pagina posta immediatamente dopo le pagine bianche solitamente inserite in qualsiasi tipologia di libro o manuale, che riporta tutte le diciture riguardanti l’opera stessa.

Ora vediamo cosa si riporta, al contrario, per il termine copertina della tesi:

“Foglio esterno di carta o di cartoncino che copre un quaderno, un registro, ecc., e specialmente quello, stampato col nome dell’autore, il titolo, ecc., e spesso illustrato, che copre ciascun esemplare di un libro, di una rivista, di un opuscolo.”

Dunque, osservando attentamente quanto riportato frontespizio e copertina sono due concetti distinti seppur accumunati da caratteristiche comuni, ossia il racchiudere al loro interno tutte le informazioni utili all’identificazione dello scritto stesso, come appunto il titolo, il nome dell’autore…ecc.

Cosa gli distingue?

Principalmente la posizione e il fatto che solitamente all’interno del frontespizio sono indicati anche alcuni elementi tipografici.

Ma allora perché quando le università vi richiedono di inserire il frontespizio spesso intendono la copertina? Quindi la copertina della tesi come si deve scrivere? Cosa deve contenere esattamente?

Copertina tesi: come scrivere tutto correttamente?

Rispondiamo alla prima domanda, ovvero quella che crea spesso più confusione: le facoltà universitarie impongono che la struttura informativa del frontespizio (la prima pagina della tesi) sia applicata anche alla copertina (quella posta esternamente).

Questo per motivi istituzionali che impongono che il documento di laurea corrisponda a determinate caratteristiche che ne permettano la facile identificazione.

Perciò, cosa si deve scrivere al suo interno?

Sulla copertina non deve mai mancare:

  • Il nome della facoltà seguito dal corso di laurea;
  • Il titolo della tesi di laurea;
  • Il nome del candidato;
  • Spostati leggermente sulla sinistra il nome del relatore e controrelatore, e se previsto correlatore;
  • L’anno accademico e l’appello di laurea.

In pratica, quanto avrete già riportato internamente alla vostra tesi di laurea.

Bene, speriamo di essere riusciti a fare chiarezza sia sul che cosa sia effettivamente un frontespizio e una copertina, sia su come scrivere il tutto correttamente.

Per evitare ulteriori dubbi, vi inseriamo qui sotto un esempio d’impaginazione:

 

LOGO UNIVERSITÀ

NOME UNIVERSITÀ

 

 

CORSO DI LAUREA

 TITOLO TESI

 

 

 

Nome e cognome relatore                                                                                      Nome e cognome del laureando

Nome e cognome controrelatore

 

 

Anno accademico

Appello

 

 

STAMPA TESI

Articoli correlati