Come si fa a calcolare il voto di laurea
Blog

Come si fa a calcolare il voto di laurea

Ecco come si fa a calcolare il voto di laurea.

Vi mancano ancora alcuni esami, ma volete fare qualche conticino per capire quanto vi manca all’ambitissimo 110 e lode? Quello che dovete fare è calcolare il vostro voto di laurea.

Certe università già all’interno della carriera, o come lo definirebbero i nostalgici del libretto, predispongono che in conclusione agli esami svolti vi sia un contatore in grado di calcolare il voto di laurea attuale.

In altre, parole uno strumento capace di stimare, se doveste presentarvi in quel momento davanti alla commissione, il vostro voto di ammissione. Al quale, in realtà per calcolare il voto di laurea complessivo, dovreste aggiungere i punti riguardanti lo svolgimento e la presentazione della tesi.

Allo stesso tempo, però, vi sono molte università che lasciano agli studenti l’arduo lavoro di monitorare il proprio andamento durante il percorso universitario e dunque, di fare valutazioni e pronostici in assoluta autonomia.

Per chi non macina numeri per mestiere, la questione può non risultare affatto banale come, al contrario, potrebbe apparire ad altri.

Per questo motivo abbiamo pensato di scrivere una breve guida su come calcolare il voto di laurea, proprio per correre in soccorso di quei poveri studenti che con i numeri proprio non sanno da dove incominciare.

Vediamo insieme, allora, da dove partire in questa avventura!

 

 

Leggi anche il nostro articolo su come scrivere L’Abstract della tesi

 

 

Calcolare il voto di laurea in 5 passi.

Come abbiamo detto il nostro intento è quello di spiegare a chiunque come calcolare il proprio voto di laurea e pertanto il nostro approccio sarà il più possibile semplice e pratico.

Partiamo!

  1. Voti e CFU

Per prima cosa occorrerà ottenere una lista di tutti gli esami da voi svolti con relativo voto e CFU.

Questa raccolta di dati solitamente deve essere svolta a mano, a meno che la vostra università non vi consenta di realizzare una stampa degli esami sostenuti.

Una questione importante riguarda i 30 e lode che ogni facoltà calcola secondo delle proprie normative, anche se la maggior parte vi assegna un voto di 31/30.

Una volta che avete la vostra lista dei voti sotto mano, si passa al calcolo della media.

  1. Calcolo della media ponderata

La media ponderata è molto più semplice di quanto si possa pensare dal nome: consiste nel fare una stima tra tutti i voti considerando i vari CFU ad essi associati.

In partica bisogna:

  • Moltiplicare ogni voto per i crediti ad esso associati. Ad esempio, se il voto è 18 e i CFU 6: 18×6= 108
  • Svolte tutte le moltiplicazioni per ogni singolo voto, dovrete sommare il tutto e dunque: se avete svolto due esami in cui in uno avete preso 18 per 6 CFU (come abbiamo visto sopra) e nell’altro 24 per 12 CFU:

108+ 288=396

  • Infine, dividete la somma per il numero di esami svolti ed avrete la vostra media ponderata.
  1. Calcolo del voto

Arriviamo al calcolo vero e proprio. Il calcolo del voto è espresso in centodecimi e pertanto, è necessario convertire la media ottenuta su base 110.

Attenzione la media ponderata non deve essere arrotondata.

Quindi, per visualizzare il voto dovrete moltiplicare la media ponderata per 110 e poi dividere il tutto per 30.

Come-si-fa-a-calcolare-il-voto-di-laurea

 

  1. Punti aggiuntivi

Siamo riusciti a calcolar la media del voto di ammissione alla laurea, ossia il voto con cui vi presentate alla discussione. Come già anticipato a questo numero vanno sommati degli ulteriori punti aggiuntivi:

  • Bonus velocità: alcune facoltà premiano gli studenti che riescono a laurearsi al primo appello di laurea con l’aggiunta di 1 o addirittura 3 punti;
  • Bonus lode: se si sono attenute cinque lodi durante il proprio percorso di studi si ha diritto anche in questo caso all’aggiunta di una serie di punti, il cui numero è sempre a discrezione della propria facoltà;
  • Tesi: la presentazione e la disquisizione della tesi variano da 1 a 4 punti a seconda dell’originalità della stessa e della performance del candidato.
  1. Calcolo finale

Sommando la media del voto ai vari punti aggiuntivi che si sono ottenuti o che si presume di ricevere, risulterà il vostro voto d’uscita.

Quindi, in pochi semplici passaggi siamo riusciti a farvi calcolare autonomamente il vostro voto di laurea.

Ricordate che in caso voleste predire quali voti vi serverebbero per raggiungere un determinato punteggio, non dovete far altro che simulare dei risultati fittizi nel calcolo della media ponderata ed il gioco è fatto.

 

STAMPA TESI