Come-calcolare-il-voto-di-laurea-magistrale
Blog

Come calcolare il voto di laurea magistrale

Istruzioni per l’uso: come calcolare il voto di laurea magistrale.

Un’altra incoronazione di laurea si avvicina e ancora una volta torna il dilemma su come calcolare il voto di laurea, ora, magistrale.

Sì, già una volta vi siete trovati a dover ricapitolare il vostro percorso con calcolatrice alla mano nell’arduo tentativo di predire il vostro voto finale e solo dopo svariati tentativi ci eravate riusciti.

Quindi, adesso, pensare di dover rifare daccapo tutto il procedimento, vi fa già venire l’angoscia. Tranquilli ci siamo qui noi a guidarvi in questa seconda laurea in statistica con le nostre pratiche istruzioni su come calcolare il voto di laurea magistrale in soli 5 minuti!

Continuare a leggere per credere!

 

Leggi anche il nostro articolo su Quante tesi devo stampare per la mia laurea?

 

Come calcolare il voto di Magistrale o triennale?

Ci sono differenze?

Se siete convinti che esista una qualche differenza su come calcolare il voto di laurea magistrale e triennale, vi sbagliate. Il calcolo in pratica è esattamente lo stesso.

L’unica differenza consiste nel punteggio assegnato alla tesi e alla sua disquisizione, il cui valore viene solitamente sommato al voto di laurea con cui ci si presenta a tale discussione.

Partiamo, infatti, dal calcolare tale voto d’ingresso.

  1. Carriera.

Realizzate una lista schematica di tutti gli esami da voi conseguiti accompagnati da relativi voti e CFU.

Potete scriverla a mano o scaricarla dal portale della vostra università se possibile.

La lista rappresenta i dati su cui andrete poi a calcolare il voto finale, pertanto, se decidete di scriverli a mano cercate di essere il più chiari e ordinati possibile.

Un altro aspetto importante riguarda le lodi, esse solitamente vengono valutate come 31/30, ma ogni facoltà ha le sue regole, dunque, informatevi prima di inficiare tutto il conteggio.

  1. Media ponderata.

Una volta raccolti i dati, si passa al calcolo della media ponderata, ovvero al moltiplicare ogni singolo voto con i propri CFU, sommare poi le cifre ottenute e dividere il tutto per il numero di esami svolti.

 

Esami svolti:

il voto 18  CFU 6                                          18×6=108

voto  24  CFU 12                                        24×12=288

come-calcolare-il-voto-di-laurea-magistrale

  1. Voto ingresso.

La media ponderata è necessaria per riuscire a calcolare il voto d’ingresso. Infatti, trattandosi di un voto espresso in 110, basterà stimare la media in base 110 per ottenere la vostra previsione.

Per fare ciò, quindi, dovrete moltiplicare la media ponderata per 110 e dividere il tutto per 30, ossia il voto massimo raggiungibile.

Mi raccomando la media ponderata non deve essere arrotondata.

 

come-calcolare-il-voto-di-laurea-magistrale

 

  1. Punti bonus.

Abbiamo ottenuto il voto di ammissione, ma quello che vi interessa è il voto finale. Per ottenerlo dobbiamo sommare alla media ottenuta i punti bonus.

I punti bonus possono essere diversi e variano a seconda della facoltà, ma solitamente sono:

  • Bonus velocità: alcune facoltà premiano gli studenti che riescono a laurearsi al primo appello di laurea con l’aggiunta di 1 o addirittura 3 punti;
  • Bonus lode: se si sono attenute cinque lodi durante il proprio percorso di studi si ha diritto anche in questo caso all’aggiunta di una serie di punti, il cui numero è sempre a discrezione della propria facoltà;
  • Tesi: la presentazione e la disquisizione della tesi variano a seconda dell’originalità della stessa e della performance del candidato, ma per quanto riguarda la tesi magistrale si tratta di 8 o 10 punti.
  1. Voto finale.

Sommati i punti aggiunti alla media del voto d’ingresso otterrete il vostro ipotetico voto finale. Si tratta di un calcolo matematico e dunque, che non lascia spazio a molte interpretazioni diverse. L’unica cosa che può cambiarlo è il vostro impegno nello svolgere esami e prove.

 

Dato che ora siete degli esperti su come calcolare il voto di laurea magistrale, sappiate che in caso voleste predire quali voti o quanti voti vi servirebbero per raggiungere un determinato punteggio, non dovreste far altro che simulare dei voti ipotetici e calcolare la media e voilà stima fatta.

 

STAMPA TESI